Our Recent Posts

Tags

Resilienza | L'esperienza di Tampere

In quest'articolo abbiamo un bellissimo esempio di resilienza, termine molto in voga in questi ultimi tempi. Rappresenta la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi ma soprattutto in psicologia, la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà. L'articolo è di Giuliano Balestrieri e riguarda come la città di Tampere in Finlandia si era già preparata al fallimento di Nokia.

Tradizione, conoscenza e innovazione.

Così Tampere è riuscita a sopravvivere alla fine di Nokia: “Non è stato uno shock enorme, perché eravamo preparati” rivela da Trento, al Festival dell’Economia, il vicesindaco Aleksi Jäntti.

Il racconto dei protagonisti è per certi versi sorprendente, ma mette in chiaro come una governance politica flessibile possa aiutare le città – ma anche gli Stati – a uscire dalla crisi più profonde. Un messaggio che dovrebbe arrivare chiaro anche all’Italia, che ancora non sa come gestire il dramma industriale dell’Ilva di Taranto.

Fino a 10 anni fa, la città finlandese era conosciuta semplicemente come “città di Nokia”: oggi l’ex colosso telefonico è diventato una divisione di Microsoft, ma Tampere è passata indenne attraverso una crisi, anche occupazionale, che avrebbe potuto cancellarla dalle mappe.

“Eravamo preparati e siamo riusciti a creare nuove conoscenze e sviluppare nuove tecnologie grazie all’impegno comune del governo locale, delle aziende, dell’università e del nostro capitale umano. Senza questa capacità di governance, oggi avremmo un’altra Tampere” dice Jäntti.

L’incontro a Trento, promosso dall’Ocse, ha messo al centro del dibattito proprio la necessità della governance della politica per gestire una trasformazione trasversale dettata dalla tecnologia, con l’obiettivo di generare nuove opportunità di lavoro. “Tampere – ha proseguito il vicesindaco – è stata la culla dell’industria manifatturiera e tessile della Finlandia, quindi abbiamo potuto contare su una tradizione industriale forte.

A questo abbiamo affiancato la conoscenza, grazie al ruolo fondamentale della nostra Università e dei nostri istituti tecnici. Facendo rete abbiamo investito, grazie anche ai fondi europei, sull’innovazione, andando ad attrarre nuove competenze per sviluppare ‘Tampere 3’, modello di innovazione creativa e aperta tra cittadini, istituzione, aziende e università. Il risultato è Demola, una piattaforma di open innovation che offre agli studenti universitari l’opportunità di contribuire a veri progetti per le imprese durante il loro corso di studi.”.

In questo modo, Tampere è diventata il punto di riferimento delle macchine intelligenti e della digitalizzazione e “domani sarà l’ecosistema ideale per l’internet delle cose”.

D’altra parte, il World Economic Forum classifica la Finlandia al primo posto per la collaborazione tra università e imprese in ricerca e sviluppo e Tampere ospita la miglior università in questo settore. Merito anche di Nokia, che ha permesso al comune di investire in largo anticipo sul 5g.

“I governi – ha detto Mari Kiviniem, vice segretario dell’Ocse ed ex vice ministro finlandese – possono aiutare le persone a cogliere le opportunità portate dalle nuove tecnologie e indirizzare aziende e territori verso le sfide future” e a evitare che il progresso amplifichi il divario tra lavoratori ad alte competenze e ottimi stipendi e lavoratori a basse competenze e ridotti salari.

“In Italia – ha proseguito Kiviniemi – come in tutti i Paesi dell’Ocse, il 15% dei posti di lavoro rischia di sparire e il 30% dovrà essere ristrutturato. Bisogna essere pronti per capire come incrementare la crescita economica in maniera inclusiva e sostenibile, perché i cambiamenti non riguarderanno in maniera omogenea e simmetrica i territori”.

A Trento lo hanno ripetuto come un mantra tutti gli esperti intervenuti al Festival: “Bisogna preparare i lavoratori a cambiamenti tecnologici prima che lo stesso si imponga. E si può fare solo con la formazione continua, soprattutto a favore dei lavoratori meno preparati”.

Foto di HEIKKI SAUKKOMAA/AFP/Getty Images

  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram

©2018 Giammarco Roberto

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now